Home

Articoli

  26 agosto , 2010       redazione       Attualità     ospedale 0 Commenti
PDL A MONTEGIORDANO - OSPEDALE

Il nostro "nemico" è la Calabria. Ficchiamocelo in testa.

"Non chiuderemo l'ospedale di Trebisacce, ma subirà una riqualificazione, per essere in grado di fornire interventi di pronto soccorso". Quattro ore di attesa sulla tabella di marcia prevista, alla festa del PDL di Montegiordano, tenutasi il 24 agosto scorso, per scoprire, o meglio avere conferma, che il Governatore Giuseppe Scopelliti, nei confronti del G. Chidichimo, nella sostanza ha intenzione di proseguire con il progetto dei suoi predecessori Loiero e Petramala. Il Governatore ha espresso questi intenti: sarà costruito un ospedale di riferimento fra Rossano e Corigliano, sarà potenziato e mantenuto Castrovillari, e Trebisacce sarà riqualificato, (noi diremmo dequalificato) in struttura per il primo intervento, per essere poi trasferiti in un ospedale “vero” fra quelli citati o Cosenza.

Cambiano i musicanti, ma la musica è sempre la stessa. Che la banda sia diretta da Chiaravalloti, da Loiero o da Scopelliti, per l’Alto Jonio suona sempre a lutto. Siamo diversi, ed i calabresi lo avvertono. Siamo lucani, per stirpe, usi, costumi, lingua e geografia. L’articolo 132 della Costituzione consente, con un semplice referendum, di cambiare regione. Bene, non ci resta che farlo, ed al più presto.
Nel frattempo, prendiamo atto che l’ospedale di Policoro è più vicino alla maggioranza dei comuni dell’Alto Jonio, rispetto alle strutture calabresi, e che è lecito andarci, anche se fuori regione.

Teniamolo tutti presente, dato che risparmiare tempo, può salvare a volte la vita, come potrebbe essere successo in un tristissimo caso accaduto poche settimane fa.
L’Assopec Trebisacce, che alcuni mesi fa ha ottenuto insieme alle associazioni cofirmatarie della diffida, il rinvio a giudizio di Petramala, Carino e Scalzo per la mala gestione del nostro ospedale nel contesto più generale della violazione dei LEA sull’intero territorio, constatando che ciò a poco è servito, invita tutte le forze che hanno a cuore il futuro dell’Alto Jonio, ad aderire al nostro progetto secessionista.
E’ senz’altro positivo il lavoro a colpi di fioretto, ma il problema non si ferma al solo ospedale. Liberiamoci una volta per tutte dal giogo della Regione Calabria, eterno fanalino di coda, ed entriamo in un’Italia diversa, nella provincia di Matera o di Potenza, ma comunque in Basilicata.

Walter Astorino - Presidente Assopec

Articoli correlati

OSPEDALE -NON ALLA CHIUSURA DA INTERNET Trebisacce, dalla rete tutta la rabbia per la chiusura dell’ospedale. «I politici si vergognino» Aggiunto da Redazione Paese...
GIORNATA DEL CUORE- RESOCONTO GIORNATA DEL CUORE A TREBISACCE 24 Settembre 2011 Impegno degli Amici del Cuore e di tutte le associazioni partecipanti ( foto di Aloise Maria Fr...
OSPEDALE- TUTTI IN PIAZZA PER PROTESTARE   Comunicato stampa 23 settembre 2010 Coordinamento difesa Ospedale “Guido Chidichimo” di Trebisacce   ”Salviamo la vita e l’ospedale di...
Lettera ai Sindaci di Nicola Aloia   OSPEDALE: LETTERA AI SINDACI DELL'ALTO JONIO DELL'ING. ALOIA ( già segretario DS) I quotidiani del 21 luglio 2010 riportano la notizia dell...
OSPEDALE- COMMISSIONE SANITA'   Trebisacce. La Commissione sanità colpita positivamente Spiragli per il Chidichimo   di FRANCO MAURELLA TREBISACCE - Se quanto affe...

Commenti

In questo momento non sono presenti commenti!

Inserisci un commento

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Sito Web

Immagine CAPTCHA
Inserire il codice di controllo: