Home

Articoli

  14 ottobre , 2009       piero.devita       Attualità    0 Commenti
IPSIA TREBISACCE- PRIMI NEL MONDO

IPSIA DI TREBISACCE

SIAMO I PRIMI NEL MONDO. SIAMO UNA SQUADRA FORTISSIMA.

 

 

 

 

Sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica

PREMIO Global Junior Challenge: proclamati i vincitori.

Giorno 9 Ottobre 2009 ritirano in Campidoglio ,nell’Aula Giulio Cesare ,il prestigioso premio GLOBAL  JUNIOR CHALLENGE il Dirigente Scolastico dell’IPSIA,  Dott.ssa Silvana Palopoli, il referente di progetto Prof.ssa Costanza Teresa, i Docenti Proff. Guarino Domenico e Gatto Elirosa, gli alunni Corrado Antonella e Laino Michele per il progetto e-twinnig The pizza  business across Europe , classificatosi 1° nella categoria 18 anni.

Al progetto hanno lavorato anche i Proff. Piero De Vita e Nino Rosario Amerise.

Grande soddisfazione in tutto l’Istituto, nell’ambiente culturale e nella comunità per aver saputo cogliere una sfida innovativa sul piano delle idee progettuali portando, così, alla ribalta internazionale il nome della Città di Trebisacce e dell’ Ipsia.

Il Global Junior Challenge, promosso dal Comune di Roma e con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, è ideato e organizzato dalla Fondazione Mondo Digitale per promuovere una società della conoscenza inclusiva. È un’occasione unica per riflettere sull’importanza delle sfide poste dall’educazione per il 21° secolo e sul ruolo delle tecnologie per l’integrazione sociale, lo sviluppo e l’abbattimento della povertà nel mondo. I protagonisti sono gli innovatori sociali che operano in ogni parte del globo: in 90 stand sono stati esposti i progetti- 109 finalisti su 2000  partecipanti- per condividere strategie contro la disuguaglianza e il divario digitale, soluzioni esemplari che possono diventare patrimonio della comunità internazionale.

Oltre il 40% dei 109 progetti finalisti è rappresentato da collaborazioni transnazionali come il progetto The pizza  business across Europe  dell’Ipsia di Trebisacce che ha coinvolto Polonia, Ungheria, Lettonia, Bulgaria, Portogallo, Russia e Romania. Al centro del lavoro comune la pizza analizzata sia dal punto di vista sociologico, associando riti e linguaggio giovanile, sia dal punto di vista economico-aziendale, passando dall’organizzazione di un torneo della pizza alla simulazione di un’impresa commerciale. La pizza è così diventata un alimento trasversale, un cibo globalizzato e un “ trovalavoro”.

Il progetto, selezionato da una giuria internazionale, è stato premiato dal Prof. Emerito Tullio De Mauro con la prestigiosa statua raffigurante la Lupa etrusca con Romolo e Remo, premio destinato ai 6 vincitori delle varie categorie distinte in età dei destinatari e in due categorie speciali. 

 Dopo il saluto delle Autorità, il messaggio del Presidente della Repubblica, il discorso di Alfonso Molina, Docente di strategie delle tecnologie all’Università di Edimburgo e Direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale,  il Prof. Emerito Tullio De Mauro nel consegnare all’ IPSIA il premio si è così espresso:” Il tema della professionalizzazione delle competenze è presente nel mondo della scuola e prova ne è il progetto e-twinnig The pizza  business across Europe. E’ importante rilevare che la tematica si basa sui reali e concreti bisogni degli studenti – trovare uno sbocco lavorativo nelle imprese ristorative in un mondo globalizzato –e che la selezione delle scuole partners è avvenuta tramite twinfinder utilizzando tecnologie congeniali al target degli alunni partecipanti. Ma, ha aggiunto, fuori dalle motivazioni di protocollo istituzionale, è fondamentale mettere in evidenza che gli operatori del progetto hanno il merito di aver realizzato “ un’idea formativa” i cui punti di forza sono: INCLUSIONE SOCIALE, SVILUPPO IMPRENDITORIALE, TIC E FORMAZIONE DI UNA MENTALITA’ INNOVATIVA E CREATIVA.

Il mondo imprenditoriale avrebbe dovuto puntare e proporre questa idea progettuale, invece con grande soddisfazione è partita dal mondo periferico della scuola ed è diventata un “ TROVALAVORO TRANSNAZIONALE”.

 

 

 ( Campidoglio-Il prof. TULLIO DE MAURO premia l'IPSIA DI TREBISACCE)

 

 

 

  ( CAMPIDOGLIO- IL DIRIGENTE, I DOCENTI E GLI ALUNNI RITIRONO IL 1° PREMIO)

 

 

 

 

 

         

 

 

CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

 

The Pizza Business Across Europe
Lun, 08/06/2009 - 10:42

La tematica si basa sui reali e concreti bisogni degli allievi: trovare uno sbocco lavorativo nell’impresa della pizzeria.                          Vedi blog: http://www. pizzacrosseuropetorneo.blogspot.com

 


1. Sommario progetto
 Il progetto etwinning « The pizza business across Europe » , è coordinato dalla referente etwinning Teresa Costanza e dal gruppo di progetto dell’Ipsia Aletti. La tematica è nata dalle discussioni sulla scuola e sul lavoro con gli allievi, dalla identificazione dei loro reali e concreti bisogni. Infatti alcuni di essi lavoravano in pizzeria durante il week-end , non potevano studiare tutti i giorni , e il lavoro era importante perchè permetteva loro di mantenersi. Si è cercato di coinvolgerli in un progetto etwinning sulla pizza nel quale non solo avrebbero fatto delle ricerche e avviato un’indagine sociologica su riti e abitudini alimentari dei giovani, ma avrebbero anche svolto uno studio di fattibilità di una pizzeria e organizzato un Torneo di pizza. La ricerca partner è avvenuta tramite il twinfinder cercando solo le scuole ad indirizzo alberghiero in quanto si prevedeva un torneo di pizza tra le scuole europee rappresentative del nord-sud.-est-ovest dell’Europa.

Hanno aderito le scuole: ungherese, con cui si è avviata la partnership e poi si sono aggiunte la Polonia, la Bulgaria, il Portogallo, la Lettonia, la Romania, la Russia .

Le scuole partners hanno aderito, condiviso , partecipato a tutte le fasi progettuali.

Si è investigato sulla pizza in Italia e in alcuni paesi d’Europa sia sul piano sociologico, associando alla pizza riti e linguaggio giovanile, sia su quello economico-aziendale.

Sul piano sociologico la ricerca nelle varie fasi ha mostrato come la pizza è divenuta un cibo trasversale a tutte le classi sociali ( da cibo per poveri a cibo globalizzato) e come sia diventata un’icona nel cinema, nella musica, nella poesia, e abbia sviluppato il ruolo di «oggetto aggregante» presso i giovani a cui ha ispirato persino termini dello slang di gruppo. Sul piano economico-aziendale è risultato che le capacità imprenditoriali del settore necessita qualità molto specifiche e che il prodotto deve essere contemporaneamente di qualità e competitivo.

 

2. Paese (Città / Regione)
Stato: Italy
Città: Trebisacce

 

3. Nome dell'organizzazione che presenta il progetto
Organizzazione: “IPSIA E. ALETTI”- Trebisacce

 

4. Tipo di organizzazione
Scegli tipo: Scuola

 

5. Coordinatore del progetto
Nome e Cognome: Teresa Costanza
E-Mail:  [email protected]

 

 

    ( Prof.ssa Teresa COSTANZA)

 

 

6. Website
Il sito web del progetto:  http://www. pizzacrosseuropetorneo.blogspot.com

 

7. Selezionate la categoria di appartenenza del vostro progetto
Youth Education Project. Select Project Users by age: Fino a 18 anni
Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro:  Inserimento dei giovani nel mondo del lavoro
Creatività e Innovazione sociale:  NOT in Creativity and Social Innovation

 

8. Da quando è funzionante il vostro progetto?
Da: 01/09/2006


9. Obiettivi ed elementi di innovazione
Please explain the targets and the background of your project:
Nella società conoscitiva e nell’era della globalizzazione il nostro progetto oltre ad aver favorito la dimensione europea , così come previsto dal quadro delle politiche comunitarie, ha :
a) rafforzato l’asse linguistico;

b) permesso di capire e decodificare i meccanismi attraverso cui la pizza diventa un cibo transnazionale; 

c) permesso di capire e conoscere come il marketing della pizzeria funziona nei diversi paesi europei e ,conseguentemente, ha svelato alcuni aspetti del sistema economico europeo;

d) aiutato a sviluppare una mentalità imprenditoriale.


Un aspetto importante del progetto è il coinvolgimento del nostro territorio, infatti il progetto è stato sponsorizzato, e allievi italiani e stranieri sono stati accolti in strutture imprenditoriali del settore per la realizzazione dello Stage sulla pizza , che è stato tenuto dai membri della Scuola Italiana di Pizza di Tortora (CS). La comunità tutta, ha tenuto atteggiamenti positivi e di apertura verso le altre culture.
Un altro importante valore del progetto è la consapevolezza di quanto la conoscenza dell’inglese sia fondamentale per stabilire rapporti personali e soprattutto professionali in Europa.
I tre elementi più innovativi del progetto risultano:
• Stage-Torneo
• Utilizzo delle TIC in situazioni didattiche e comunicative
• Saper fare (know how) come strategia per trasmettere contenuti


10. Risultati
Describe the results of your project as per today:
Gli studenti hanno acquisito o affinato l’utilizzo della piattaforma etwinning, hanno realizzato lo Stage-Torneo, hanno beneficiato della possibilità di confrontarsi concretamente con i partner e socializzare , stabilendo contatti per ulteriori progetti e aderito a richieste di reciproci scambi culturali. Inoltre, in quanto adolescenti e problematici, essi hanno appreso mediante un approccio ludico e partecipativo , contenuti che proposti con il metodo frontale avrebbero incontrato non poche difficoltà. L’utilizzo delle TIC ha rappresentato un valore aggiunto sia nella formazione dell’allievo sia nella realizzazione del progetto.
Tale progetto ha conseguito i seguenti riconoscimenti:
a) primo posto per la categoria 16-19 alla Conferenza eTwinning di Praga 13-15 2009
b) quality label europeo etwinning
c) quality label nazionale etwinninng 2008 , per aver promosso lo sviluppo della “Consapevolezza ed espressione culturale” e per questo è stato inserito nella pubblicazione curata dall’Unità italiana, dedicata al contributo di eTwinning alle competenze chiavi europee.
d) inserimento nella galleria etwinning delle best practice
e) editoriale della NSS italiana a cura di Alessandra Ceccherelli “primo premio europeo etwinning 2009 .
f) articolo su Televideo Rai del 11/03 / 2009


11. Sostenibilità
Indicate la durata complessiva del progetto: Da 1 a 3 anni
Indicate il costo di massima del vostro progetto (in Euro):  Da 10.001 a 30.000
Come è finanziato il vostro progetto:  Finanziamenti pubblici o privati


12. Trasferibilità
Il progetto è stato replicato/adattato altrove:  Si
Specifica: Dopo lo Stage /Torneo della pizza presso l’Ipsia Aletti sono stati avviati dei workshops sulla pizza nelle scuole dei paesi partner Portogallo, Romania, Ungheria come strumento di orientamento, per combattere la dispersione scolastica e per l’inserimento nel mondo del lavoro.  Siamo disponibili ad aiutare altri soggetti a sviluppare progetti o a migliorare progetti esistenti:
We are not available to help others starting or working on similar projects.


13. Informazioni aggiuntive
Background:
- Inserimento nel POF d’Istituto


- Materie coinvolte nel progetto: Italiano, Storia, Inglese, Legislazione, Economia aziendale, Informatica, Cucina.
- Il progetto si è integrato con il progetto Comenius 1.1. “Influences, Trends and Creation in European Cooking”,    

   ( http:// comeniusipsiatrebisacce.blogspot.com ) e con il progetto PON “ Potenziamento della lingua italiana per stranieri”
- Sponsors: Comune di Trebisacce, Comunità Montana, Consorzio di Bonifica del Ferro e dello Sparviere, Consorzio delle Clementine IGP della Calabria di Corigliano (CS), pizzerie (Antichi Sapori, Capolinea, Cosimo e Mimmo) , Panificio Artigiani del pane, Eiffel building s.r.l.


Ostacoli:
quali sono i maggiori ostacoli o problemi che avete dovuto  affrontare per implementare il progetto o per farlo accettare da parte dei diversi soggetti coinvolti?
- E’stato facile trovare i partner ma è stato a volte difficile trattenere qualcuno che voleva abbandonare per sopravvenuti problemi legati ad altri progetti europei.


Ostacoli:
-Si è cercato di essere flessibile per quanto riguarda il lavoro da portare avanti e le scadenze progettuali.
-Si sono coinvolti altri partner di cui si è rapidamente vagliato il reale interesse.


Future plans and wish list:
Stiamo lavorando alla creazione di una “ pizzeria virtuale” e stiamo valutando l’idea di realizzare , nell’arco di due o tre anni , un franchising promosso dai ragazzi che attualmente lavorano al progetto. Per la realizzazione sono necessari capitali e la possibilità di lavorare in continuità con gli attuali partner europei ed ampliare, se possibile, la partnership.

 

                                        ( Campidoglio- FOTO DI GRUPPO)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

In questo momento non sono presenti commenti!

Inserisci un commento

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Sito Web

Immagine CAPTCHA
Inserire il codice di controllo: